25. März 2021 · Kommentieren · Kategorien: Bitcoin

Jay Manzini era famoso per dare un sacco di soldi a sconosciuti casuali… Ma stava anche togliendo milioni di dollari agli hodler di Bitcoin.

I giorni di gloria del famoso influencer di Instagram Jegara Igbara, meglio conosciuto come „Jay Manzini“, sembrano essere contati, poiché è stato accusato dalle forze dell’ordine statunitensi di essere la mente dietro uno schema di truffa di Bitcoin da milioni di dollari.

Jay Manzini era noto per i suoi video di Instagram che regalavano grandi quantità di denaro a sconosciuti. Tre dei suoi video più popolari hanno coinvolto un massiccio regalo in contanti in un supermercato e collaborazioni con il rapper 50cent e il cantante reggaeton Nicky Jam per dare via i soldi ai dipendenti che lavorano in un fast-food.

Jay Mazini è il vero affare, mi ha visto nel quartiere ieri così siamo andati stasera e abbiamo mostrato a tutti un po‘ di amore. pic.twitter.com/4UgvMWFLTk

– 50cent (@50cent) September 9, 2020

Come il simpatico Instagram è stato coinvolto in una truffa di Bitcoin da 2,5 milioni di dollari

Tuttavia, non erano tutte buone intenzioni nella vita di Jay Manzini. Il noto influencer ha iniziato a pubblicare annunci sulle sue storie di Instagram, sostenendo che stava comprando Bitcoin a premi del 5% rispetto al valore di mercato.

Ma perché usare Instagram invece di una piattaforma P2P come Localbitcoins e scambi come Binance o Coinbase? La sua scusa, presumibilmente, è che voleva comprare grandi quantità, e gli exchange non glielo permettevano.

E anche se ci sono banchi OTC espressamente dedicati a questo tipo di affari, le scuse di Jay Manzini hanno generato pochi sospetti, e i suoi seguaci si sono avventurati a fare affari con lui.

Dopo aver concordato i prezzi e i metodi di pagamento, Mazzini inviava ai suoi seguaci immagini e mezzi di pagamento delle transazioni. Essi, a loro volta, inviavano il Bitcoin al portafoglio di Manzini.

Ma i soldi non sono mai arrivati. I documenti erano falsi. Secondo una dichiarazione ufficiale del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, il modus operandi di Jay Manzini si basava principalmente sulla fiducia che si era guadagnato come influencer:

„Come sosteniamo, il personaggio di Igbara sui social media serviva come sfondo per invogliare le vittime a vendergli i loro Bitcoin a valori attraenti, ma gonfiati. Uno sguardo dietro le quinte, tuttavia, ha rivelato che le cose non sono sempre come sembrano. Non c’era nulla di filantropico nelle transazioni di Bitcoin che Igbara faceva con le sue vittime. Una rapida ricerca su Interwebs oggi rivelerà un’immagine completamente diversa di questo truffatore multimilionario“.

Jay Manzini ha rastrellato almeno 2,5 milioni di dollari con questa truffa. Se condannato, Jay Manzini rischia fino a 20 anni di carcere.

Non è solo Jay Manzini. Le truffe di criptovalute sono un problema crescente

Le truffe legate alle criptovalute sono un problema crescente. Il Covid-19 ha appena servito da catalizzatore per il fiorire di questi tipi di truffe. Secondo l’eNational Fraud Intelligence Bureau, nel 2021, la quantità di denaro persa in truffe di cripto è aumentata di 2 volte dall’anno scorso.

Questa non sembra essere la prima volta che Jay Manzini ha affrontato accuse di frode e truffa. Un account dedicato a ripubblicare lamentele e accuse contro l’influencer ha rivelato che altri fan e membri attivi della sua comunità sui social media hanno dichiarato in numerose occasioni che Jay Manzini è un esperto nel chiedere denaro senza restituirlo.

Per esempio, sembra che Jay Manzini sia stato coinvolto nella vendita di corsi, prodotti, omaggi e altre offerte losche che non sono finite bene – almeno non per le vittime.

Forse la prossima volta, invece di usare il nome del suo profilo pubblico per impegnarsi in una truffa di criptovalute e chiedere soldi su internet, Jay Manzini potrebbe provare a usare alcuni degli anonimi ed eccitanti protocolli DeFi.

Kommentare geschlossen